Blog




GIOVANE PROMETTENTE: "Toc Toc.." II

.. ho avuto l'impressione che tu fossi caduto in un sonno....in una Tana....con un coniglio o forse no.....
e ho lasciato che tu continuassi a sognare….
ti sei svegliato ?

Credo di si.. A meno che il tutto scibile non sia lo sviluppo del sogno di un ente a noi sconosciuto..

Il che non sarebbe poi tanto male, perché ogni errore non sarebbe in realtà valutato come tale..

Perché non saremmo in grado neanche di valutare COSA è reale..

realtà e sogno ? realtà e finzione ? realtà e fantasia ? dato oggettivo o soggettivo ?

 

Tu puoi affermare con certezza, cosa ? che esisti ? che sogni ? che sei sveglio ? che i tuoi sogni sono ...?

c'è qualcosa di cui hai assoluta certezza ? c'è qualcosa di cui vorresti assoluta certezza ? hai davvero bisogno di certezze ?

 

... Ho due certezze: la prima è che, sia che si viva in una realtà concreta, sia che fossimo immagine di un'astrazione onirica, utilizzando una "nostra"ragione si possa arrivare ad ottenere un determinato qualcosa, utile o inutile, buono o cattivo che sia. E la seconda inerisce ai sogni: per quanto riguarda questi ultimi : mi vien difficile pensare che un "ente"astratto possa sognare qualcosa di altrettanto astratto, anche perché si tratterebbe di una doppia negazione di un "concreto" che non conosciamo.. Per la regola dei contrari mi verrebbe da dire che una doppia negazione coincida con un affermazione, quindi un"ente" astratto sognerebbe qualcosa di concreto.. Allora o noi siamo immagine concreta di un'astrazione onirica di un ente, allo stesso modo, astratto o siamo direttamente noi ad essere concreti, quindi realtà, a sognare astrazioni di un qualcosa che ci manca, o che avremmo voluto fare..

 

Ah, eccola qua, ero già preoccupata....tutto questo tempo senza la tua ragione....io ho una certezza opposta la tua, in merito al tuo primo punto: "che sia reale o no, il massimo che possiamo fare è "vivere" nel miglior modo possibile, per noi e per quello che ci circonda.... non dobbiamo ottenere, dobbiamo vivere....in merito alla seconda parte mi piace pensare che siamo vivi e i nostri sogni sono un po' le nostre aspettative, un po' le nostre delusioni, un po' tutto quello che avremmo voluto, dovuto, potuto fare....

 

Ma tu dove ti ritrovi, in tutto questo parlar di sogni ? tu sogni ? cosa ? dove ? quando ? perché ?

tu presti attenzione ai tuoi sogni ? tu credi ai tuoi sogni ?

 

.. Guarda quando parlo di sogni, li differisco dalla aspettative.. Le aspettative possono essere classificate come probabili e raggiungibili, i sogni non necessariamente.. Ma, d'altro canto, i miei momenti preferiti includono anche quando sogno, perché sono solo, quindi padrone del mio contorno, e perché sono involontariamente io a decidere.. Non che io decida cosa sognare sia ben chiaro, ma sicuramente non è nessun altro a farlo per me, e questo per me è abbastanza.. Prestare attenzione ai sogni non è parte integrante del mio "io", perché concentrarsi strettamente su qualcosa che non può essere nient'altro che, al massimo, un ricordo gradevole.. I sogni non sono nient'altro che un breve periodo, durante il sonno, dove in corrispondenza della fase REM, il cervello funziona quasi come in una situazione di veglia e si percepiscono suoni e immagini "paragonabili" al reale, quindi a cosa dovrei credere?..

 

I sogni ti piacciono nella misura in cui quando sogni sei solo e padrone del tuo e decidi solo tu.... dovresti credere che il nostro cervello non apprezzerebbe il tuo banalizzare la fase REM....e dovresti credere che "a volte, chiudere gli occhi" e sognare, ad occhi aperti o chiusi, è una cosa buona. e anche che si può sognare con qualcuno....

 

Non voglio banalizzare, ovviamente, ma la verità è che i sogni sono, secondo me, o nettamente qualcosa al quale va dato, in assoluto, connotazione scientifica oppure sono, all'opposto, qualcosa su cui fare ipotesi e teorie......vorrei, al solito mio, invece, fermarmi su quello che mi sembra l'elemento di interesse......sognare ci fa bene ? sognare ci rende più o meno felici ?

 

...Un sogno è tanto intimo quanto importante.. Sognare ad occhi aperti solitamente comporta qualcosa di irrealizzabile come termine conclusivo.. Mentre per il resto, che non rientra nelle due categorie precedenti, o sono aspettative o sono deliri.. Il sogno, generalizzando, è da valutare o come astrazione o come conseguenza di uno stato di sonno. Essendo che tu preferisci l'astrazione, ti direi che si tratta di desideri, spesso tanto belli quanto irrealizzabili, atti mancati, voci soffocate, auto inganni volti a preservare uno stato di personalità e socialità.. Ma si sprofonda nella psicologia.. Sognare qualcosa, implica desiderarlo, quindi non può farci stare troppo bene.. Quanto è brutto immaginarsi in un qualcosa di voluto ma inconcretizzabile?..

 

Ah, eccoti qui ! nel senso, proprio qui ti volevo....ottima teoria, ti manca la pratica....ti farò sognare, in questo viaggio. e scoprirai che non saranno né deliri né aspettative...sogneremo ma non perché desidereremo.....faremo esercizi virtuali....

 

( intanto vedo un ombra che si aggira e sembra che cerchi proprio me....)

 

(l'ho già vista, mille volte, anche se non abbiamo un rapporto molto profondo.....eppure, eppure, io so chi è, io mi ricordo che ....)

 

... Le ombre si muovono solo quando un contesto è portato all'estremo.. Sicura che non si tratti di un brutto sogno?.. Le immaginazioni a volte tradiscono..

 

Ho un'innata tendenza a portare tutto all'estremo....tutto diventa più facile....cadono le barriere (eppure mi sembra che ....)...non mi faccio tradire dalla mia immaginazione.....(no, c'è qualcuno, ne sono certa !)....

 

(Morfeo: "nessuno mi ha visto, ottimo. il suo rifiuto al sonno va raggirato con astuzia....incredibile, parla di sogni e non dorme ! vedremo se al risveglio la penserà ancora così....sui sogni...)

 

(e mi piacerebbe anche capire se lui riesce ad insinuarsi nella sua fase REM.....)

 

... Le barriere proteggono.. Vedi? L'estremo non è mai la scelta migliore, porta alla rovina.. ( ..Cosa??..)... ( ..Cos'è successo??..) ( .. Dove sono finito??.. Cosa ci faccio qui?? )...( TU?? Sono finito in un tuo sogno??.. Allora ora ci sarà da divertirsi!!)...


(sento dei passi.....stà arrivando qualcuno....).....io intanto voglio vedere meglio.....e forse voglio giocare anch'io....ma non credo potrò....una scacchiera enorme, grandissima.....ah, meraviglia......(avverto una presenza....mi sembra di conoscerlo.....)....dunque, guarda guarda....ci posso camminare sopra, dentro.....come se io fossi una pedina.....e sono sola, in questa immensa scacchiera....che sensazione strana ..... mi torna alla mente la battuta di Frisch "QUALE AMORE O COMPASSIONE SI PUO' PROVARE PER UN PEZZO DI SCACCHI SACRIFICATO AL GIOCO ?"......
(stà arrivando qualcuno.....non ci posso credere....SEI TU ?!)

 

Inizio modulo

... Mai pensavo di finire in un tuo sogno, dio che situazione strana, hai istigato bene Morfeo per portarlo a fare un gioco del genere con entrambi!!! E perché ora siamo posti su una scacchiera?? Ma soprattutto perché io, che qua non dovrei essere, sono un "Alfiere"? E tu perché "Regina"? Ma Morfeo sta sfidando la mia o la tua di una resistenza?..

Si, con Morfeo effettivamente ho un rapporto difficile....(certo che, questo, è un tiro mancino...)(non me lo aspettavo, da Lui)....e non sò rispondere ( o forse non voglio ?) alla tua domanda: " la mia o la tua, di resistenza ?" .....ma la prima domanda (perchè, almeno qui, non ci vogliamo accontentare di fare solo domande, qui, vogliamo anche delle risposte !!), quella dalla quale dobbiamo assolutamente partire è....."cosa mi rappresenta questa scacchiera ?".....

... Secondo me.. È una maschera che rappresenta le sfide più difficili, come ad esempio la vita, infatti in un romanzo, simile ad un thriller, intitolato "La variante di Lüneburg", uno dei due protagonisti-antagonisti, un nazista, poneva come punizione per la sconfitta a scacchi l'uccisione di 12 ebrei deportati, giusto per render l'idea della difficoltà degli scacchi, ma non credo che Morfeo sai così subdolo da metter le nostre vite in palio.. Secondo me ha messo le nostre "menti" in palio.. Chi perde impazzisce.. Ma..( .. Che strana luce fioca..) siamo solo in due ..( rintocco acuto di campanellino..) cosa significa questo tintinnio?? Dobbiamo iniziare??.. ( un'altra ombra..).. ( ... Sembra il suono soave di un pianoforte..).. Cosa sta succedendo????

Assolutamente no, Morfeo non è così subdolo....e quindi non si tratta delle nostre vite in palio..le nostre menti, dici ? potrebbe essere....ma sarei meno drastica....che perde impazzisce ?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!? Ma no, dai......(si, sento anch'io .....ombre che si avvicinano......il suono di un pianoforte....) senti senti, la riconosci ?.....si, ci sono, ecco, ho capito.....la partita la giochiamo io e te.....ragione contro istinto.....e quindi meglio, tu ed io. (ma, allora, chi stà arrivando ? quelle ombre.....chi sono ?.....)...Stanno arrivando le mie pedine e così le tue.....è vero ?

.. Sembrano l'esercito della "Regina di cuori".. Guarda come sono in riga, coordinati, puntuali con la sistemazione sulla scacchiera.. Infatti sono le mie pedine.. Guarda le tue!! Tutte che saltellano a destra e sinistra, in maniera totalmente casuale.. Si vede che sono istintive.. Si si sono proprio le tue.. ( .. Suono di tromba..).. Ecco sta arrivando il mio re, la ragione.. Sembra una persona che ho già visto.. Oddio ma è Cartesio!!!!...

Guarda come si muovono........colori, sfumature, musica....leggere, leggiadre oserei dire....ma non confuse....sembra apparente confusione, in verità è una meravigliosa danza....con il corpo parlano, emanano sensazioni.....ti viene immediatamente voglia di seguirle...vorresti sfiorarle, eteree figure, vorresti essere parte della loro vitalità, vorresti essere contaggiato da loro....(per la verità non sono tutte così...qualcuna manifesta meno, con il corpo ma non con la mente....) Ah, il tue Re, Cartesio. Anche Noi abbiamo un Re.....pensa un pò.....chi vado a ritrovare ? Gottfried Wilhelm von Leibniz.....(certo, non si sarebbe mai fatto scappare un'occasione simile....!!)

...( ritmo incalzante di violino e violoncello..).. Allora lo schieramento è stato fatto, il via è segnato da questo ritmo che si percepisce nell'aria, sembrano violini.. 4 enormi candele, poste agli angoli della scacchiera, illuminano il campo da gioco.. Tutto attorno rimane cupo, si distingue solo la trama della scacchiera, così lucida, sembra marmo, sospesa a mezz'aria, avvolta in un turbinio di venti, che ci smuovono giusto i capelli... Le candele ora si sono spente.. L'ambiente è illuminato di una luce strana, prima chiarissima, poi varia nei colori, ma non si capisce da dove provenga.. Su un indeterminato sfondo cupo appare una scritta di un bianco abbagliante: mi sembra di leggere "Nunc tempus est ut incipiat".. È giunto il momento di iniziare.. E allora sia.. A te la prima mossa..

(c'è un gran movimento, qui da Noi....le monadi, certamente).....ovviamente abbiamo un Re ma....loro sono così....c'è confusione....(i violini incalzano, la musica aumenta intensità....l'aria è tesa....c'è molto vento....raffiche fortissime - a tratti - e poi, di colpo, un'irreale mancanza di movimento......i capelli rimangono scomposti, in una posa surreale....un pò come questo momento....(non ti vedo, dove sei ?)(in fila, al tuo posto, in ordine.....certamente...)....ecco, il mio Re........ muove !!!!!!! "Un buon maestro deve saper fornire ai propri discepoli un metodo che li renda autonomi nella ricerca.....sembra che però, non ci sia, tutto questo, nelle file dei tuoi discepoli...".....

... Nel frattempo nelle mie fila si escogita la strategia migliore sul da farsi.. I miei pedoni si offrono,senza paura, con la consapevolezza che perderanno la vita, per un diretto attacco allo schieramento avversario... Le "Torri" tremano perché non possono uscire dalla loro casella senza che almeno un pedone si sacrifichi.. Io e l'altro "Alfiere" siamo cauti sulla decisione perché, comunque siamo inchiodati ai blocchi di partenza, la "Regina",imponente,è rigorosamente sulle sue, in quanto non sacrificabile, i "Cavalli" scalpitano, sanno che possono scavalcare quando vogliono, ma come tutti aspettano le decisioni del Re, Cartesio... ...("cogito... Cogito..cogito.. Ergo... )...

Vedo una grande tensione....ah, si, già, non emotiva....vedo una tensione che nasce dal rispetto di una serie di regole imposte, percepisco una tensione che aumenta di attimo in attimo....vedo spirito di sacrificio e consapevolezza. Vedo rispetto dei ruoli, vedo qualcosa che mi ricorda uno schema...vedo un'ottica meccanicistica di causa-effetto....( e intanto le monadi continuano una danza che sembra infinita, un moto perpetuo...)......sono proprio curiosa di sapere con cosa, il Tuo Re, risponderà alla mossa del mio.....seguirà la provocazione ? (i tuoi discepoli non sono autonomi nella ricerca....) oppure "attaccherà" spostando l'attenzione su altro ?....(non ci resta che attendere....)ma....TU ? dove sei ? Alfiere Fiero e Scalpitante ( mi sembra che il tuo corpo, questa sera, trasmetta poca ragione e più istinto....(o forse che io mi stia sbagliando ?) (o forse che io non lo debba dire ?)(sai che il corpo ha un suo linguaggio che non mente, anche quando menti tu....)(si, certo, lo controlli, lo sò benissimo....ma credi che solo perchè tu non allunghi una mano non sia assolutamente chiaro, a me, lo sforzo dei tendini a non compiere quel movimento che cerchi disperatamente ? credi che non sia evidente che stai facendo esattamente la cosa opposta a quella che vorresti ? ).....ah, si, eccoti, ti ho intravisto....giochi di sguardi con l'altro Alfiere.....vibrante di tensione, fiero, a testa alta....aspetti il tuo Re.

 
GIOVANE PROMETTENTE: “Toc Toc ?” I

IO: “ Entra”

“Sai chi sono?”

“No”

“ Mi aspettavi ?”

 
Guendalina amore mio

e la fiaba della buona notte è dedicata, con una grande sforzo della memoria, a quel Luca a cui Carolina in una notte milanese di una vita fa ha mangiato la punta di una scarpa....
....Luca cantava sempre ( e la suonava anche...) "